Gazzetta dello sport: Motta impresa riuscita | Udinese Blog
Data: 15 Maggio 2022

La Gazzetta dello sport sottolinea la bravura di Motta in un campionato per lui particolarmente complicato e individua i peccati dell’Udinese nella sconfitta interna per 2-3: “Lo Spezia è l’unica delle pericolanti a non aver cambiato allenatore. Si salva con una giornata d’anticipo, come un anno fa, seguendo la linea della continuità in panchina come, altra analogia, nella stagione scorsa. Ora, nel leggere l’annata attraverso questo risultato, nel vedere la baldoria in campo dopo questo successo, non si può dimenticare che a Natale Thiago Motta era già sull’uscio, licenziato “anche se avesse vinto a Napoli”. Cosa che avvenne. E allora come fai a esonerarlo, se conquista uno stadio intitolato a Diego Maradona? La squadra ha reagito con tre vittorie consecutive in gennaio, una anche con il Milan, complice pure un infortunio arbitrale poi “restituito” contro la Lazio: la posizione del tecnico si è stabilizzata. Iscriversi per la terza volta consecutiva alla Serie A è un lusso gratificante per lo Spezia. Motta ha lottato contro il Covid che gli ha decimato la rosa già durante la preparazione. Non ha potuto cambiare il gruppo perché il club ha il mercato bloccato. Nel finale ha tremato, con quattro sconfitte consecutive prima di questo successo quanto mai benedetto… L’Udinese cercava un saluto interno diverso, in un’annata comunque positiva: se passa a Salerno, Gabriele Cioffi tocca comunque la miglior classifica, come punti, da nove anni. Ma i padroni di casa, davanti a 20 mila spettatori che hanno applaudito giocatori e allenatore, hanno commesso troppi errori in fase difensiva, sbagli da fine stagione. Il gol di Molina, il settimo in questo campionato, illude un po’ tutti, ma ci sono spazi troppo aperti perché lo Spezia non si infili. E si paga la mancanza di decisione nei contrasti, nel seguire gli avversari, nell’imporsi”.

5 in pagella all’Udinese e insufficienze quasi a tutti i bianconeri:

MOLINA IL MIGLIORE 6 – L’ultima davanti a questo pubblico? Probabile. Segna e poi sbaglia. Meno bravo a difendere.

SILVESTRI 6 – Decisivo sullo 0-0, poi non riesce a salvare i suoi.

PEREZ 5 – Più pericoloso in attacco, dietro balla. Implicato nel rigore.

MARI’ 5,5 – Nemmeno il gol lo salva.

NUYTINCK 5 – Dopo la rete al Sassuolo, prova tremolante. BENKOVIC – SV

PEREYRA 5,5 – Ciondolante a metà campo, aggirato da Gyasi sull’1-2.

WALACE 5,5 – Regìa robusta, ma non c’è nelle transizioni altrui.

ARSLAN 5,5 – Poco tempo, consueta ammonizione.

MAKENGO 5 – Para un tiro di Perez.

SAMARDZIC 6 – Qualche buon tocco.

UDOGIE 5 – Partecipa ai gol ma in fase difensiva Verde lo stende. SOPPY – SV

DEULOFEU 5,5 – Nei due gol ci sono i suoi cross, ma anche troppi tocchi egoisticamente errati.

PUSSETTO 5 – Anonimo fino alla sostituzione.

NESTOROVSKI 5 – Cambio che non dà effetto.

CIOFFI 5,5 – Applaudito dallo stadio bianconero, ma stavolta l’Udinese concede troppo.

Fonte: https://www.udineseblog.it/articolo/rassegna-stampa/gazzetta-dello-sport-motta-impresa-riuscita/9/250169