La Notte dei Musei, tutte le mostre e gli spazi culturali aperti a Roma
Data: 14 Maggio 2022

Sabato 14 maggio è la data in cui – finalmente – dopo due anni di tutto fermo, torna a Roma uno degli eventi culturali più belli ed attesi: la Notte dei Musei.

Una “notte bianca” in cui nella Capitale – e in contemporanea in tutta Europa, apriranno eccezionalmente dopo il tramonto musei, università, istituzioni – italiane e straniere – e altri spazi espositivi e culturali 

Dalle 20 alle 2, saranno eccezionalmente aperti i Musei civici sparsi nel territorio cittadino, con un ampio programma di concerti e spettacoli dal vivo. Il biglietto di ingresso avrà il costo simbolico di un euro (sarà gratuito dove espressamente previsto) e consentirà di assistere a spettacoli e visite guidate, circondati dalle opere d’arte delle collezioni permanenti e da quelle delle numerose mostre temporanee.

I Musei civici aperti

Tra i Musei civici coinvolti ci sono: Musei Capitolini, Centrale Montemartini, Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, Museo dell’Ara Pacis, Museo di Roma, Museo Napoleonico, Museo di Roma in Trastevere, Museo Pietro Canonica a Villa Borghese, Musei di Villa Torlonia (Casino dei Principi, Casina delle Civette, Casino Nobile, Serra Moresca), Museo delle Mura, Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese, Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco, Museo Civico di Zoologia, Museo della Repubblica Romana e della memoria garibaldina, Galleria d’Arte Moderna, Museo di Casal de’ Pazzi. In questi musei l’accesso sarà completamente gratuito per i possessori della MIC card.

Le aperture eccezionali a Roma

Ma “La Notte dei Musei” a Roma, sarà anche l’occasione per visitare moltissimi altri spazi della città che hanno deciso di aderire all’iniziativa – promossa da Roma Culture, Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali e organizzata da Zètema Progetto Cultura – come università, accademie italiane e straniere, ambasciate, Istituti di alta formazione, istituzioni e tanti luoghi della cultura e dell’intrattenimento eccezionalmente aperti in orario serale. Sono circa 80 spazi, diffusi sul territorio al cui interno prenderanno vita oltre 100 eventi, con più di 60 mostre pronte ad accogliere i visitatori.

Di seguito alcune delle aperture eccezionali di enti che hanno aderito a “La Notte dei Musei”:

Il Senato della Repubblica, sarà aperto dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso ore 23.30), con visite guidate di Palazzo Madama, così come la Camera dei Deputati, dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1) con visite guidate di Palazzo Montecitorio al termine delle quali ogni gruppo potrà assistere al concerto del pianista Emiliano Toso.

Sarà eccezionalmente aperto anche il Palazzo Marina, dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1.00), con visite guidate dalle ore 20 e, alle 20.30, il concerto della Banda Musicale della Marina. Accessibili anche il Museo storico dei Vigili del Fuoco a Testaccio, aperto dalle 21 alle 2 (ultimo ingresso all’1.30) e la sede del Comando Legione Carabinieri Lazio, nella Caserma Ten. Giacomo Acqua, aperto dalle 20 alle 2 (ultimo ingresso all’1.30).

Nella serata del 14 maggio potrà essere visitato anche l’Istituto superiore di sanità, dalle 20 alle 23 (ultimo ingresso alle 21.30), con il percorso di visita Porte aperte al Museo ISS: scienza e pillole di salute, in partenza alle 20 e alle 21.30, e con la possibilità di vedere la mostra ISS per Covid. Così come l’Istituto superiore antincendi che, dalle 20 alle 23 (ultimo ingresso alle 22.30), permetterà di visitare la propria sede degli Ex Magazzini Generali;

Grazie all’Opera Romana Pellegrinaggi sarà possibile visitare dalle 20 alle 24 (ultimo ingresso alle 23.30) il Carcer Tullianum, luogo unico del passato di Roma, mentre, dalle 21.30 all’1 di notte (ultimo ingresso alle 00.15), sarà accessibile al pubblico il Museo Ebraico di Roma con la visita al Tempio Maggiore e la mostra 1849-1871. Ebrei di Roma tra segregazione ed emancipazione.

Nel corso de “La Notte dei Musei 2022” saranno aperti anche musei, complessi monumentali, aree e parchi archeologici statali di Roma, sempre al costo simbolico di 1 euro. L’elenco dei luoghi e degli orari di apertura sarà pubblicato sui canali web del Ministero della Culturaa questo link.

Marcati di Traiano-2

Gli eventi in programma nella Notte dei Musei

Ampia la proposta di spettacoli a disposizione dei visitatori la cui scelta, nell’arco della serata, potrà ricadere sui concerti, di musica classica, jazz e contemporanea, sulle rappresentazioni teatrali, fino ad arrivare alle performance di danza contemporanea e di videoarte. La partecipazione agli eventi all’interno dei musei è consentita esclusivamente agli ospiti muniti di mascherina FFP2. Si può accedere a ogni evento fino a esaurimento dei posti disponibili.

Tra i luoghi più importanti, sicuramente i Musei Capitolini, pronti a ospitare nell’Esedra di Marco Aurelio, alle 21, alle 22 e alle 23, lo spettacolo La ballata del nostro vento a cura di Finisterre. Nato in tempo di pandemia, questo spettacolo mette insieme storie vere di donne e uomini raccolte ogni settimana in radio e adattate per mano di Blas Roca Rey, autore e voce narrante che dialoga, nello stile del teatro canzone, con la partitura musicale scritta ed eseguita da Ambrogio Sparagna, qui accompagnato da Gabriele D’Amico, Massimo Ciccolella e Daniele Forcina.

La Sala Pietro da Cortona della Pinacoteca Capitolina farà da scenario, invece, allo speciale ricordo di Paolo Poli dal titolo Sempre fiori mai un fioraio!, una versione breve di uno spettacolo più ampio curato dall’Alt Academy Produzioni. Pino Strabioli, accompagnato alla fisarmonica da Marcello Fiorini, sarà il mattatore di questo sentito omaggio dedicato all’irriverenza, alla leggerezza, alla libertà di uno dei più grandi artisti del Novecento italiano. In scena alle 21.15, 22, 22.45, 23.30, 24.15 e alle 01.

Appuntamento con la musica tradizionale venezuelana, a cura dell’Ambasciata di Venezuela, nel Salone di Palazzo Nuovo: alle ore 21.30, 22.30 e 23.30, in programma l’esibizione dell’ensemble In Symphony Brass Quintet con Felix Moreno e Eduardo Rodriguez (tromba), Edward Arosemena (trombone), Jose Vera (eufonio) e Edgar Dutary (tuba). Dirige Karen Velazquez.

Poco distante, nella Sala della Promoteca in Campidoglio, altro viaggio nella musica tradizionale con il concerto gratuito a cura dell’Ambasciata di Turchia in programma alle 20.30, 21.30 e 23. In Tradizione e innovazione nella musica turca sarà il poliedrico artista turco Ahmet Baran a condividere con il pubblico la sua passione per il jazz e l’improvvisazione.

Alla Centrale Montemartini nella Sala Macchine, saranno protagonisti i ritmi di due generi musicali che si incontrano nell’evento Tango meets Jazz, a cura dell’Accademia Italiana del Flauto. Alle 21, 22 e 23, si ripercorrerà un secolo di musica con l’ensemble formato da Gabriele Coen (sax e clarinetto), Marco Loddo (contrabbasso), Natalino Marchetti (fisarmonica) e Silvia Hernández Huerta (voce).

Nella Sala del Treno di Pio IX, invece, si terrà, alle 21.30, 22.30 e 23.30, il progetto multimediale di musica live ed immagini …Elle, singuliere, pluriel, a cura di Castellum ascd. Una serie di disegni e quadri di donne del primo e medio ’900 realizzati dalla pittrice Marie Reine Levrat dialogheranno con video storici e con musiche live del trio jazz composto da Giampaolo Ascolese (vibrafono), Filiberto Palermini (sassofono), Federico Bonesi (batteria).

Il Cortile del Museo di Roma a Palazzo Braschi ospiterà alle 21.30, alle 23 e alle 24 l’esibizione del Coro Notturno Clandestino, un esperimento di risonanza internazionale diretto dal M° Giovanni Mirabile e ideato dal vulcanico Enrico Melozzi. Con il concerto Cantami la Terra: madre, forza, inspirazione, il gruppo proporrà un repertorio che spazia dalle composizioni barocche a quelle contemporanee. Nella Sala Torlonia, alle 20.30, alle 21.30, alle 22.30 e alle 23.30 avrà luogo, invece, il Concerto di Amelie Siba, con le morbide melodie di chitarra e la delicata musica elettronica della cantautrice praghese, a cura del Centro Ceco di Roma.

A cura dell’Associazione Culturale Twain, si terranno alle 20.30, alle 21.15, alle 22, alle 22.45 e alle 23.30 ai Mercati di Traiano – Museo dei Fori Imperiali, le cinque pièces che compongono Uomini e dei, un’indagine sul rapporto tra le storie degli esseri umani e degli dei. I visitatori saranno condotti attraverso cinque tappe di un viaggio tra concetto di divinità e corpo.

Un duplice messaggio di pace si diffonderà dal Museo dell’Ara Pacis con i due eventi in programma: il piano del monumento ospiterà, alle 21, alle 22 e alle 23, lo spettacolo di ArteStudio curato da Riccardo Vannuccini Angelus Novus, una rappresentazione in dialogo con l’altare in onore della pace augustea, che porterà in scena diversi frammenti di storie collegate all’attuale situazione in Ucraina, con la condanna della guerra e la ricerca della pace a fare da filo conduttore all’intera performance. Con Rocco Cucovaz e Greta Bellamacina e le musiche di Pietro Freddi. In Auditorium, invece, alle 21.30, alle 22.30 e alle 23.30, il concerto Visioni di Pace, dialoghi in musica tra est e ovest a cura di MRF5 s.r.l., un racconto nel nome della pace in cui i suoni dei fiati suonati da Luigi Cinque (clarinetto, sax, duduk) e quelli a corde della tradizione mediterranea suonati da Stefano Saletti (oud, bouzouki, saz baglama) si uniranno a una delle voci più importanti della world music, la cantante Urna Chagtar Tugki.

Una storia curiosa è al centro dello spettacolo a cura di Megasound, Il Bercandeon, dalla fantasia di un romanzo alla realtà musicale, in programma al Museo di Roma in Trastevere alle 21.30, alle 23 e alle 24. Il pianista e compositore Rossano Baldini proporrà un concerto-racconto per raccontare la storia e la genesi dello stesso Bercandeon, uno strumento musicale nato prima dalla penna del suo inventore, Fiorenzo Bernasconi, poi costruito a mano dalla Teknofisa di Vercelli e divenuto una realtà di fama internazionale.

Nei Musei di Villa Torlonia: alla Casina delle civette andrà in scena lo spettacolo itinerante con musica dal vivo Il mistero delle civette, a cura di MAG Movimento Artistico Giovanile, per la regia di Valeria Nardella, con Simone Ruggiero, Gennaro Della Rocca e Giorgia Battistoni e l’accompagnamento musicale dei clarinettisti Giulia Tamborino e Nicola Iacovino. Il pubblico andrà alla scoperta dei segreti della vita di Giovanni Torlonia jr nel periodo della sua residenza nella suggestiva dimora. Orari: 20.15, 21, 21.45, 22.30, 23.15 e 24. A cura dell’Associazione Culturale Il Triangolo Scaleno è invece l’evento speciale The Swing We Love creato appositamente per la sala da ballo del CASINO NOBILE. Il trio composto dalla voce di Francesca Faro “Miss Faro”, dal piano di Silvia Manco e dal sax tenore di Giuseppe Ricciardo, proporrà il grande repertorio jazz e swing dell’America degli anni ’30, ’40 e ’50, quelli delle grandi orchestre e delle voci memorabili. Orari: 20.30, 21.30, 22.30 e 23.30.

Alla Serra Moresca sarà di scena il Morphin’ quartet con lo spettacolo Metaforme: le forme del mito, a cura dell’Associazione Culturale Fabrica. Livia Saccucci e Vincenzo De Luca passeranno in rassegna, alle 20, 21.30, 22.15 e 23, miti classici e moderni, in forma di canzoni e letture.

Sarà il concetto di rinascita al centro della performance in programma alle 21, alle 22 e alle 23 alla Galleria d’Arte Moderna. Con Renaissance, FACEMagazine.it intende esplorare le varie forme artistiche della creazione contemporanea attraverso l’incontro di cinque artisti, professionisti della musica elettronica, classica e della video arte: Giulio Maresca (producer e musicista), Ludovica Centracchio (violoncello), Agnese Martellucci (viola), Flavia Morra (violino) e Loredana Antonelli (video proiezioni).

Sarà invece un ritratto del drammaturgo Henrik Ibsen in forma di “canzone spazializzata” quello che porteranno in scena quattro attori con La canzone di Henrik, il nuovo lavoro performativo e sonoro del duo Cascone/Cruciani in programma al Museo Napoleonico alle 21.30 e alle 23. Ogni attore reciterà dei monologhi da stanze diverse del museo facendo corrispondere a ogni spazio una porzione che compone lo schema di una canzone classica. A cura dell’Associazione Culturale Compagnia Veronica Cruciani.

A cura dell’Associazione Centro Culturale Rinascita è il progetto Storia della soul music dagli anni ’60 a oggi, in programma presso il Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese. Valentina Ducros e Stefano Profazi racconteranno, alle 21, alle 22 e alle 23, la storia della musica soul e i principali cambiamenti che il genere ha subito negli anni.

Al Museo Pietro Canonica a Villa Borghese serata all’insegna del grande jazz proposta da Xilema srl, con i brani di grandi compositori come Cole Porter, Duke Ellington, Billie Holiday, Wayne Shorter, Thelonious Monk eseguiti dall’Acus-Trio Jazz Ensemble, formazione composta dal batterista Davide Pettirossi, dal pianista Claudio Colasazza e dal bassista Francesco Puglisi che si esibirà alle 20.30, alle 21.45 e alle 22.30.

Si ripercorreranno i momenti più significativi della vita di Pier Paolo Pasolini, nell’evento Ero al centro del mondo in quel mondo di borgate a cura dell’Associazione Culturale La Capriola – Abraxa Teatro. La performance, ispirata all’opera Il poeta delle ceneri, prenderà vita al Museo della Repubblica Romana e della Memoria Garibaldina a opera di Lucia Bendia e del violoncellista Simone Sitta. Orari: 21, 22 e 23.

A cura di Metis Teatro Aps è la rappresentazione I Neanderthal a Casal de’ Pazzi, nel Museo di Casal de’ pazzi. Alle 20.30, 21.30 e 22.30 si ripeterà un ciclo di letture sul tema dei Neanderthal tratte da grandi scrittori del passato e rese in forma di monologhi teatrali da Francesco Meriano per la regia di Alessia Oteri. A recitare gli attori dell’Associazione con la partecipazione di Paolo Ricchi.

Infine, appuntamento al Museo Civico di Zoologia alle 20.15, 21.15, 22.15, per la Tragedia di Roncisvalle con bestie, un testo comico scritto da Giuliano Scabia in cui si narrano le epiche vicende di paladini in battaglia con l’insolito punto di vista aggiuntivo degli animali. A cura del Teatrino Giullare con l’accompagnamento al violoncello di Elisa Astrid Pennica.

Tornato da poco a disposizione del pubblico, anche il Planetario di Roma sarà aperto in orario serale con il nuovo spettacolo Planetario: ritorno alle stelle in programma alle ore 21, 22 e 23. Ingresso con bigliettazione ordinaria e prevendita obbligatoria su www.planetarioroma.it.

Ma il programma di eventi raggiungerà molti altri spazi espositivi e luoghi della cultura: si potrà andare al Palazzo delle Esposizioni alle 20.30 e alle 22.30 per il concerto Têtes de Bois – Abbiamo fatto 30, per festeggiare il trentesimo compleanno della band, o dalle ore 19 al MACRO per l’evento Presto!? x MACRO, composto da un live con la presentazione del disco di debutto di Canva6 Ten Minutes to Midnight e un DJ set curato da Lorenzo Senni, Ruben Spini e VIPRA. Dalle 21 alle 22, con Melting Pot si potrà assistere al MATTATOIO all’esito del laboratorio di danza del coreografo Marco Torrice.

E poi ancora letture, immagini e suggestioni nell’appuntamento Sogno di un bibliofilo alle 20 a Casa delle letterature, con gli interventi di Giorgio Ghiotti, Nadia Terranova, Moira Egan, Damiano Abeni, Matteo Trevisani, Rino Bianchi, Paolo Morelli, Raffaella D’Elia, Stefano Tonietto; il concerto di musica barocca alle ore 21 a PALAZZO MERULANA dal titolo Sotto il cielo stellato del barocco, con Francesco Fortunato (tenore) e Andrea Micheli (arciliuto); e l’evento L’Acquario Romano – questo sconosciuto! Vieni a scoprirlo! per andare alla scoperta della Casa dell’architettura – Acquario Romano attraverso visite guidate alle 21, 22 e 23, arricchite da interventi musicali e di danza con il soprano Cinzia D’Astola Perroni.

Al costo di 3 euro si potrà inoltre accedere alla Casa Museo Accademia Musumeci Greco, aperto dalle 20 alle 24, dove si terrà l’evento Il duello del Secolo, con letture di attrici e attori e gli spettacolari assalti dei campioni di scherma in carrozzina e normodotati.

Le mostre e le visite guidate in programma

Tra le mostre visitabili: ai Musei Capitolini i tre progetti espositivi multimediali: L’eredità di Cesare e la conquista del tempo, nella Sala della Lupa e dei Fasti antichi di Palazzo dei Conservatori; il progetto Visea nella Sala dei Capitani e, nelle sale al piano terra, la mostra Cursus honorum. Il governo di Roma prima di Cesare. Inoltre, nella Pinacoteca, in sala di Santa Petronilla, per la prima volta a Roma è visibile l’opera San Francesco contempla un teschio del pittore spagnolo Francisco de Zurbarán; mentre a Palazzo Clementino è allestita la mostra I colori dell’antico. Marmi Santarelli. Ancora in tema di applicazioni multimediali, al Museo di Scultura antica Giovanni Barracco i visitatori possono usufruire del nuovo progetto “Li-Fi”, acronimo di Light Fidelity, sistema che trasmette le info sulle opere del museo e sulla casa romana del IV secolo d.C. direttamente sui loro dispositivi mobili.

E ancora, al Museo di Roma, la mostra Segni con i 42 scatti delle artiste fotografe Simona Ghizzoni e Ilaria Magliocchetti Lombi; alla Centrale Montemartini, la mostra Colori dei romani. I mosaici dalle collezioni capitoline, oltre al mosaico della Real Casa; ai Mercati di Traiano, 1932, l’elefante e il colle perduto e, nella grande Aula, per la prima volta a Roma, l’installazione interattiva e multisensoriale Synesthesia di Severino Alfonso e Loukia Tsafoulia. Varie le mostre fotografiche da visitare al Museo di Roma in Trastevere: Labirinti in Trastevere, un racconto sul XIII Rione; NEEEV. Non è esotico, è vitale, una selezione di diciotto fotografie sulla ricostruzione di Mosul di Begoña Zubero e la nuova Anni Interessanti – Momenti di vita italiana. 1960-1975.

La Galleria d’Arte Moderna propone invece, oltre alla mostra Pharmakon. Episodio 1, l’esposizione Il video rende felici. Videoarte in Italia, progetto presente anche al Palazzo delle Esposizioni e dedicato alla produzione di videoarte e cinema d’artista in Italia, dalla fine degli anni Sessanta.

Al Casino dei principi – Musei di Villa Torlonia la mostra Francesco Messina. Novecento contemporaneo, attraverso una ricca selezione di bronzi, terrecotte e gessi raffigura la vitale attualità dell’arte del maestro Francesco Messina (1900-1995), tra tradizione e modernità.

Infine, ancora in corso al Museo Carlo Bilotti – Aranciera di Villa Borghese la Carta coreana Hanji, al Museo delle Mura, Ghê Gaia Terra. Riflessioni sul rapporto tra uomo e ambiente e al Museo Civico di Zoologia, la mostra La Via delle Api.

Anche gli altri spazi espositivi offrono una articolata proposta: gli amanti della fotografia potranno spaziare dalla mostra Alberto Di Lenardo. Lo sguardo inedito di un grande fotografo allestita a WEGIL, all’esposizione WPP World Press Photo Exhibition 2022 presente a Palazzo delle Esposizioni. Qui sarà inoltre possibile visitare una delle due sezioni della mostra Il video rende felici. Videoarte in Italia.

Diverse le mostre di arte contemporanea ospitate al Macro: Cinzia Ruggeri, Cinzia says…; Retrofuturo. Appunti per una collezione; Lee Scratch Perry, THE Orbzerver; Cathy Josefowitz, The Thinking Body; Presto!?; Four Musical Procedures; Remoria, organizzata con Valerio Mattioli; Nicolàs Guagnini, Farces and Tirades; Goda Budvytytė, touch, colour and fold. Così come nei padiglioni del Mattatoio dove saranno visitabili le due mostre Teresa Margolles. Periferia dell’agonia e Clément Cogitore. Notturni.

A Palazzo Cipolla sarà visitabile la mostra London Calling. British Contemporary Art Now. From David Hockney to Idris Khan, mentre a Palazzo Bonaparte le due esposizioni Bill Viola. Icons of Light e Jago The Exhibition (una mostra €10 – due mostre €15). Palazzo Merulana apre le porte presentando le opere della Collezione permanente Elena e Claudio Cerasi e la mostra multidisciplinare Riscatti di città. Transizioni urbane a Roma. Per l’occasione al MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo saranno visitabili le mostre Buone Nuove. donne in architettura; Tokyo Revisited. Daido Moriyama con Shomei Tomatsu; Cao Fei. Supernova; Mario Botta. Sacro e profano; Scarpa/Olivetti Brani di una storia condivisa e i focus dedicati all’Archivio Ugo Ferranti e al gruppo Numero Cromatico.

Infine, all’Auditorium Parco della Musica si potranno visitare il Museo Archeologico che espone e illustra i resti della villa romana rinvenuta durante i lavori di costruzione dello stesso Auditorium; il Museo Aristaios che raccoglie i pezzi ceramici dell’antico Mediterraneo della preziosa collezione Sinopoli e il MUSA – Museo degli Strumenti Musicali dell’Accademia nazionale di Santa Cecilia.

Durante la serata, inoltre, è previsto un programma di visite guidate in alcuni spazi espositivi della città. Nel circuito dei Musei civici sono da segnalare le visite al Museo delle Mura, al Museo di Scultura Antica Giovanni Barracco e le speciali visite Pillole di videoarte, a cura di Daniela Vasta con Carlotta Anello, Amaranta Ciriaci, Flaminia Petrassi, Claudia Verdat, Davide Zazzini, alla Galleria d’Arte Moderna, alle 20.30, alle 21.30 e alle 22.30.

Visite guidate ogni ora, dalle 20 alle 24, sono in programma anche allo Spazio espositivo Tritone (dalle 20 alle 01.30 ultimo ingresso all’1), dove si potrà visitare la mostra multimediale Athena Nike: la vittoria della dea e le opere della collezione della Fondazione Sorgente Group. Infine, partirà alle 20:30 la visita guidata all’interno di Vigamus – The Video Game Museum of Rome, per andare alla scoperta degli aneddoti più curiosi della storia del videogioco.

Accademie, Ambasciate e istituti di cultura stranieri aperti

Ampia la proposta di mostre, concerti ed eventi a ingresso gratuito proposto dalle Istituzioni straniere cittadine. Tra le molte esposizioni straordinariamente aperte al pubblico si segnalano: la mostra La misteriosa scoperta della Tomba di Tutankhamon all’Accademia d’Egitto (dalle 20 alle 24 ultimo ingresso alle 23) e quella di statue in miniatura dal titolo Serata Faraonica all’Ambasciata della Repubblica araba d’Egitto (dalle 20 alle 24.30 ultimo ingresso alle 24); la mostra Gribouillage/Scarabocchio. Da Leonardo da Vinci a Cy Twombly con circa 150 opere originali che vanno dal Rinascimento all’epoca contemporanea all’Accademia di Francia a Roma – Villa Medici (dalle 20 alle 02 ultimo ingresso alle 01.30); la mostra Regeneration/Rigenerazione all’Accademia Americana (dalle 20 alle 23 ultimo ingresso alle 22.30); l’esposizione fotografica Yo Soy la Ciudad – Io Sono la Città con scatti ispirati dalle opere di otto poeti dominicani realizzata dall’Ambasciara dominicana presso Art Gallery Gregorio VII (dalle 20 alle 22.30 ultimo ingresso alle 22); la mostra Metamorfosi di Luminița Țăranu all’Ambasciata di Romania (dalle 20 alle 01 ultimo ingresso alle 24.30); la mostra Un monumento dell’architettura romena in Valle Giulia: il palazzo della Scuola Romena di Roma nel suo 90° anniversario a cura di Octavian Carabela, all’Accademia di Romania (dalle 20 alle 01 ultimo ingresso alle 24.30).

E poi ancora la mostra monografica sul pittore Gonzalo Chillida all’Istituto Cervantes (dalle 20 alle 24 ultimo ingresso alle ore 23.45), quella dedicata alle tematiche, ai processi e ai materiali esplorati da Mai-Thu Perret, Real Estate, Solo Show by Mai-Thu Perret all’Istituto svizzero; e la mostra Trame della Memoria. Interventi architettonici sul patrimonio di Enric Miralles e Benedetta Tagliabue EMBT 1992 – 2022, ospitata dalla Real Academia de Espana en Roma (dalle 20 alle 02 ultimo ingresso alle 01) insieme all’installazione Le due differenti fasi della tensione – Omaggio a Pier Paolo Pasolini realizzata da Alàn Carrasco.

Non solo mostre ma anche tanti appuntamenti speciali con l’intrattenimento. A partire da quello doppio, delle 20 e delle 21, con il concerto per pianoforte Le stagioni di Piazzolla a quattro mani, con Micaela Gulino e Javier Mas, in programma a Casa Argentina (dalle ore 20 alle ore 22 ultimo ingresso alle ore 21) o il concerto jazz Notte dei Musei al Palazzo Falconieri di Kálmán Oláh, alle ore 21 all’Accademia d’Ungheria (dalle 20 alle 24 ultimo ingresso alle 23.30).

Infine, in programma all’Accademia nazionale di San Luca (dalle 20 alle 01 ultimo ingresso alle 24), l’inaugurazione delle nuove sale della Galleria Accademica Il Gabinetto Riservato e La Sala Raffaello, con visite guidate ogni ora dalle 20 alle 24.

accademia di Francia Villa Medici-2

Università pubbliche e private aperte

La Sapienza università di Roma aderisce alla Notte dei Musei 2022 con l’apertura straordinaria dalle ore 15 alle 24, dei Musei che compongono il suo Polo Museale: Museo di Anatomia comparata “Giovanni Battista Grassi”, Museo di Anatomia Patologica, Museo delle Antichità Etrusche e Italiche, Museo di Antropologia “G. Sergi”, Museo dell’Arte Classica, Museo di Chimica “Primo Levi”, Museo Erbario, Museo della Geografia, MLAC Museo Laboratorio di Arte Contemporanea, Museo di Merceologia MuMe, Museo di Zoologia, Centro Saperi&Co., Museo delle Origini, Museo Orto Botanico, MUST – Museo, Universitario di Scienze della Terra, Museo di Storia della Medicina, Museo del Vicino Oriente, Egitto e Mediterrane. In programma anche eventi, mostre, visite guidate e laboratori ludico-didattici consultabili sul sito: www.uniroma1.it. Accreditamento all’interno della Città Universitaria.

Eventi e visite guidate sono in programma anche in altre sedi universitarie cittadine: al Link Campus University si terrà, alle 21.30 e alle 23, Le Mani Avanti, il concerto del coro a cappella a cui si aggiungono due visite guidate nella ex residenza estiva dei Papi e la possibilità di visitare la mostra Chirurgia plastica a cura di Valeria Catania; all’Università Telematica ECampus, in programma alle ore 21 Il Viaggio di NeaCo’ – Neapolitan Contamination, una favola in forma di concerto con musica napoletana e non solo; mentre all’Università Lumsa, alle 20, il concerto AMRC Pop band & Luisiana con la pop band dell’Accademia Musicale di Roma Capitale.

Il programma de La Notte dei Musei 2022 è suscettibile di variazioni. Per il programma aggiornato e l’elenco completo delle strutture aderenti: www.museiincomuneroma.it.

Fonte: https://www.romatoday.it/eventi/cultura/notte-dei-musei-a-roma-musei-aperti-mostre-e-visite-guidate-14-maggio-2022.html