Peste suina, Costa: “È emergenza, bisogna prolungare la stagione venatoria” – Il Quotidiano del Lazio
Data: 13 Maggio 2022

Il tema della peste suina continua a essere al centro del dibattito, soprattutto dopo gli ulteriori numerosi avvistamenti di cinghiali nella campagna romana, ma anche in Liguria e Piemonte. Nel merito, il sottosegretario alla Salute, Andrea Costa, è intervenuto ai microfoni dell’Ansa per fare chiarezza.

Andrea Costa a mezzo busto sulla scrivania
Andrea Costa

“Dobbiamo ridurre i cinghiali per tutelare l’agricoltura ed evitare rischi per l’incolumità dei cittadini. Oggi la densità dei cinghiali in alcune zone d’Italia è almeno cinque volte superiore rispetto alla sopportabilità dell’ecosistema”.

Costa: “Ridurre i cinghiali per tutelare agricoltura e cittadini”

“Al di là del fattore contingente della peste suina, resto convinto e lo voglio ribadire con forza, pur rispettando le sensibilità degli animalisti, che questa è un’emergenza dinanzi alla quale occorre prevedere il prolungamento dell’attività venatoria da tre a cinque mesi. E la possibilità alle regioni di rideterminare le quote”.

Sul piano di eradicazione del virus della peste suina, gestito dal Ministero della SaluteIspra e dalle Regioni interessate, che – spiega Costa – “prevede anche abbattimenti selettivi di cinghiali, è in dirittura di arrivo”.

“Il provvedimento contiene disposizioni atte a eradicare il virus”

“Lunedì sarò in Piemonte e proviamo a chiudere il cerchio”, ha poi proseguito il sottosegretario. “Il provvedimento contiene disposizioni atte a eradicare il virus. Le misure previste e le attività messe già in campo nelle regioni inizialmente coinvolte, Liguria e Piemonte, divengono strutturali”. Per la Regione Lazio, invece, ci sarà a breve un’ordinanza che regola le attività.

Fonte: https://www.ilquotidianodellazio.it/peste-suina-costa-e-emergenza-bisogna-prolungare-la-stagione-venatoria.html