Frattura del femore sinistro e progressivo declino del paziente
Data: 12 Maggio 2022

Frattura del femore sinistro provoca il progressivo declino psico-fisico del paziente a causa di negligenze nella fase post operatoria (Tribunale Latina sez. II, dep. 01/03/2022, n.417).

Frattura del femore sinistro, a seguito di caduta accidentale, trattata con intervento chirurgico, provoca alla paziente un progressivo declino delle condizioni psico-fisiche.

Con atto di citazione viene,
pertanto, convenuta in giudizio l’AUSL di Latina affinché, accertata la
responsabilità dei sanitari, venisse condannata al risarcimento del danno
patrimoniale e non patrimoniale.

A seguito di una caduta
accidentale, la donna veniva trasportata al Pronto Soccorso, dove accedeva in
buono stato clinico e le veniva diagnosticata frattura del femore sinistro. Ne
veniva disposto il trasferimento presso l’Ospedale di Latina per l’intervento
chirurgico. Durante la degenza la paziente avvertiva dolori e crampi
addominali, trattati con clistere. A seguito delle dimissioni, era prescritta
terapia riabilitativa per il mantenimento della posizione eretta. A seguito
dell’impossibilità di continuare la terapia riabilitativa e nel riacutizzarsi
dei sintomi addominali, era nuovamente ricoverata presso il Pronto Soccorso
ove, a seguito degli accertamenti di urgenza era diagnosticato “addome
acuto occlusivo” e trattata con intervento di ileostomia. Dopo le
dimissioni era intrapreso un percorso di assistenza domiciliare nel corso del
quale si constatava un progressivo declino delle condizioni psicofisiche e
permanente allettamento, con successivo intervento di colostomia con
persistenza del disorientamento spazio-temporale perdurato ed aggravatosi sino
al decesso intervenuto nelle more del giudizio.

La domanda viene ritenuta parzialmente
fondata.

Essendo i fatti oggetto di causa risalenti all’anno 2015, ossia in data anteriore all’entrata in vigore della legge Gelli – Bianco (1.4.2017), non puo’ essere applicata tale ultima normativa. Ergo, vengono applicate le regole che qualificano a titolo di responsabilità contrattuale sia la responsabilità della struttura sanitaria, sia quella dell’esercente la professione sanitaria.

In tale ottica, il paziente
che agisce in giudizio deducendo l’inesatto adempimento dell’obbligazione
sanitaria deve provare il contratto (fondato sul contatto sociale) ed allegare
l’inadempimento del medico, restando a carico del debitore l’onere di provare
l’esatto adempimento.

In altri termini, nelle cause
di responsabilità professionale medica, il paziente non può limitarsi ad
allegare un inadempimento, quale che esso sia, ma deve dedurre l’esistenza di
una inadempienza astrattamente efficiente alla produzione del danno, di talché,
solo quando lo sforzo probatorio dell’attore consenta di ritenere dimostrato il
contratto (o contatto sociale) e l’insorgenza o l’aggravamento della patologia,
con l’allegazione di qualificate inadempienze in tesi idonee a porsi come causa
o concausa del danno, scatterà l’onere del convenuto di dimostrare o che nessun
rimprovero di scarsa diligenza o di imperizia può essergli mosso, o che, pur
essendovi stato un suo inesatto adempimento, questo non ha avuto alcuna
incidenza eziologica nella produzione del danno.

Con riferimento, poi, al
profilo concernente l’accertamento del nesso causale tra condotta del medico o della
struttura sanitaria ed evento dannoso, la relativa valutazione in campo civile
è basata sulla regola della preponderanza dell’evidenza o del “più
probabile che non”.

Cio’ posto, dalla CTU è emersa
una condotta colposa dei Sanitari.

In particolare, il CTU ha
accertato un intempestivo intervento dei sanitari con riferimento alla
condizione di sofferenza addominale, nel corso del ricovero per la frattura del
femore.

E difatti, si legge
nell’elaborato “la paziente ricoverata per frattura del femore sinistro, fu
sottoposta ad intervento di riduzione e sintesi della frattura con chiodo
gamma. Nel successivo decorso post operatorio, furono segnalati stipsi ed
addome globoso con meteorismo per cui furono eseguiti un clistere evacuativo
senza successo, e venne posizionata una sonda rettale e successivamente dimessa
il giorno 8.4.2015. In data 13.4.2015 fu ricoverata d’urgenza per “addome
acuto occlusivo” e venne trasferita presso il reparto di chirurgia
generale ove, lo stesso giorno, fu eseguito un intervento chirurgico così
descritto: “… All’apertura del peritoneo reperto di enorme distensione
colica a rischio di rottura distensiva con dolico colon. Si esplora tutto il
colon. Si reperta neoformazione della parete gastrica che viene escissa ed
inviata per esame istologico. …Si procede quindi a resezione secondo Hartmann ……
Nel corso dell’anno 2016 la paziente fu più volte ricoverata per trattamento di
sepsi e interventi di stenosi di colostomia, successivamente ampliata.”

Il punto nodale dell’analisi
peritale riguarda la gestione del post operatorio successivamente
all’intervento di osteosintesi della frattura del femore, con chiodo gamma,
scelta condivisibile in relazione allo stato clinico della paziente.
Ricostruisce il CTU il decorso post operatorio “caratterizzato dalla
comparsa di una stipsi cronica non risolta con il clistere evacuativo (4-4) né,
apparentemente, dal posizionamento della sonda rettale (5-4) per facilitare lo
svuotamento. Ciò nonostante la donna venne dimessa per poi rientrare in
ospedale il 13-4 proprio per l’aggravarsi del quadro clinico addominale. La
descrizione dell’intervento chirurgico eseguito presso l’Ospedale di Latina lo
stesso giorno (13-4), documenta la causa di questa condizione clinica essendo
stata rilevata, alla riapertura dell’addome, una enorme distensione colica a
rischio di rottura distensiva con dolico colon; la diagnosi posta fu
perentoria, si trattava di un addome acuto occlusivo” motivo per il quale
era sottoposta ad ileostomia.”

Ed ancora, il CTU riconosce
che la paziente, a seguito dell’intervento chirurgico ortopedico di riduzione
della frattura al femore, sia incorsa in “un’occlusione intestinale su
base funzionale che, clinicamente, determinava una stipsi ostinata con graduale
comparsa di alvo meteorico e dolente. A fronte di questa sintomatologia fu
effettuato un clistere (senza esito) e fu applicata una sonda rettale (di cui
non sappiamo l’esito). Ciò nondimeno, a fronte di un quadro che non risulta
essere stato risolto, i sanitari del reparto di chirurgia non ritennero
opportuno richiedere una consulenza gastroenterologica né sottoporre la
paziente ad ulteriori accertamenti per chiarire l’origine di tale
sintomatologia, ma, anzi, la donna fu dimessa senza una apparente risoluzione
del quadro clinico. L’imprudenza dei sanitari è confermata dal fatto che,
qualche giorno dopo la dimissione, la donna ritornò in ospedale proprio a causa
dell’aggravamento del quadro addominale”.

In conclusione, il Tribunale
di Latina, a) accerta la responsabilità dell’AUSL di Latina nella causazione
delle lesioni per cui è causa, e la condanna al pagamento della somma di Euro
154.937,97.

Avv. Emanuela Foligno

Sei vittima di errore medico o infezione ospedaliera? Hai subito un grave danno fisico o la perdita di un familiare? Clicca qui

Leggi anche:

Errata gestione della problematica ortopedica

– Annuncio pubblicitario –

Fonte: https://responsabilecivile.it/frattura-del-femore-sinistro-e-progressivo-declino-psicofisico/